Lipica, 22. 5. 2017

I puledri più piccoli sono stati i protagonisti dei momenti più toccanti della Giornata del cavallo lipizzano

Ieri, l’Allevamento di Lipica e l’Associazione degli allevatori di cavalli lipizzani della Slovenia hanno onorato il 437° compleanno del cavallo lipizzano. Lo spettacolo di gala dei nobili stalloni e degli ospiti equestri ha entusiasmato innumerevoli visitatori. Proprio durante le celebrazioni è nata la ventesima puledra di questa generazione dell’Allevamento di Lipica.

Ieri, 21 maggio, i cavalli di razza più belli dell’Allevamento di Lipica e dell’Associazione degli allevatori di cavalli lipizzani della Slovenia sono stati le stelle della giornata del lipizzano, durante la quale hanno celebrato il 437° anniversario di questa razza e dell’Allevamento di Lipica.

Lo spettacolo di gala ha raggiunto l’apice con l’arrivo all’ippodromo di 12 vivaci e scuri puledri di questa generazioni, accompagnati dalle proprie madri, le nobili giumente dell’Allevamento di Lipica,  mentre i cavalli bianchi hanno entusiasmato con attacchi, salti della scuola sopra il suolo spettacolari, con il passo a due di due stalloni lipizzani e con la quadriglia eseguita dagli stalloni più giovani.

Durante le celebrazioni hanno ricordato il periodo in cui, 437 anni fa, iniziò la storia dell’Allevamento di Lipica e del cavallo lipizzano. “Il 19 maggio 1580, Carlo II, Arciduca d’Asburgo, ha vissuto la ricchezza della tenuta di Lipica per poi acquistarla dal vescovo di Trieste e fondando l’allevamento lipizzano”, come Lorela Dobrinja ha anche sottolineato nel suo saluto in veste di direttrice dell’allevamento.

L’Associazione degli allevatori dei cavalli lipizzani della Slovenia, che unisce gli allevatori privati di questa razza, ha mostrato perché il lipizzano è così amato come compagno nel tempo libero. Insieme all’Allevamento di Lipica, l’associazione “cura l’allevamento dei lipizzani, l’educazione dei propri membri e del pubblico, e la promozione del nostro cavallo di razza, oltre a nutrire rapporti con le altre organizzazioni equestri sia in Slovenia che all’estero”, spiega il presidente, Marko Avšič.

Con i suoi intrepidi lipizzani si sono aggiunti alle celebrazioni anche l’unità della polizia su cavallo di Lubiana e gli ospiti dell’Associazione degli allevatori di cavalli Haflinger della Slovenia.

Ad aprire i festeggiamenti è stata la gara di pariglie, valida per il campionato sloveno, che ha visto nuovamente la vittoria di Miha Tavčar, il guidatore dell’Allevamento di Lipica. Grazie invece a Mitja Mahorčič e Klemen Turk, il podio è rimasto avvolto nei colori lipizzani.

A rendere le celebrazioni ancor più gioiose è stata la notizia della nascita del ventesimo puledro di quest’anno. Si tratta di Capriola, figlia della giumenta 630 Capriola XL e del nobile stallone 522 Neapolitano Gaetano XXXII, esibitosi ieri nel pas de deux durante lo spettacolo di gala. Così continua la storia dell’orgoglio, del successo e delle straordinarie doti del cavallo lipizzano, promotore d’eccezione della Slovenia in tutto il mondo.

Foto: Kobilarna Lipica / Mediaspeed e Kobilarna Lipica